logo


Le linee guida sono stati trasmesse ai dirigenti dell’Ente con valore di prime indicazioni ma con il dovere di applicazione immediata soprattutto nei settori più a rischio come: appalti, edilizia, gestione risorse umane, risorse mobiliari e immobiliari, interventi abitativi, concessioni a qualsiasi titolo

La legge n. 190/2012 detta norme sulla prevenzione e repressione della corruzione e dell’illegalità nella Pubblica Amministrazione; prevede una serie di strumenti da porre in essere i quali, nel loro insieme, costituiscono la base solida su cui poggiare tutto il sistema organizzativo di un Ente pubblico al fine di prevenire qualsiasi fenomeno malavitoso all’interno dello stesso.

Il Direttore Generale del Comune di Aci Castello , gr. uff. dott. Luigi Albino Lucifora, nominato responsabile della prevenzione, nelle more del varo dei predetti strumenti da parte degli organi preposti, ha ritenuto opportuno intervenire immediatamente con sua apposita determina quadro.

Con la stessa sono stati fissati gli obiettivi e gli indirizzi generali agli effetti della legge 190, definendo gli enunciati di coerenza con il nuovo sistema di controlli e della trasparenza amministrativa.

Le linee guida sono stati trasmesse ai dirigenti dell’Ente con valore di prime indicazioni ma con il dovere di applicazione immediata soprattutto nei settori più a rischio come: appalti, edilizia, gestione risorse umane, risorse mobiliari e immobiliari, interventi abitativi, concessioni a qualsiasi titolo.

All’uopo sono stati indetti anche corsi di formazione che saranno tenuti dallo stesso direttore.

Il Sindaco, sen. Filippo Drago, condivide l’iniziativa del direttore generale perchè ritiene non necessario aspettare il varo definitivo degli strumenti previsti dalla legge ma è bene intervenire subito, in modo che i dirigenti inizino ad organizzarsi ed informare il personale di competenza sulla necessità di un attento controllo , al fine di prevenire infiltrazioni di corruzione inteso in senso lato.

Lascia un Commento

*

captcha *