logo


A mettere una “pezza” è stata la Provincia che ha anticipato 900mila euro

Da questa mattina, il consorzio Simco riprenderà il suo normale servizio. Dopo una riunione durata 4 ore in Prefettura – tra l’assessore regionale ai Servizi di pubblica utilità, Nicolò Marino, l’Ato, Simco, i sindaci dei comuni interessati e i sindacati – i netturbini ritorneranno nuovamente a lavoro.

A mettere una “pezza” è stata la Provincia che ha anticipato 900mila euro. Alla somma dell’ente si aggiungeranno altre anticipazioni da parte dei Comuni. In particolare, Biancavilla, San Giovanni La Punta, San Pietro Clarenza, Sant’Agata Li Battiati e San Gregorio.

Lascia un Commento

*

captcha *