logo


Le forze dell’ordine avranno il compito di controllare l’osservanza del provvedimento

Anche quest’anno il sindaco di Catania Raffaele Stancanelli ha emesso un’ordinanza con cui, in occasione delle celebrazioni agatine, dal 3 al 6 febbraio, si vieta l’accensione e il trasporto dei ceri accesi in tutto il territorio comunale.

Sarà consentita l’accensione dei tradizionali ceri esclusivamente in alcuni luoghi, già opportunamente delimitati, collocati lungo il percorso del fercolo, che il Comune ha attrezzato mettendoli in sicurezza come aree di incontro e di preghiera: in via Dusmet – Fontana S.Agata, in piazza Stesicoro (lato ovest) e in piazza Cavour (lato sud-ovest).

Le forze dell’ordine avranno il compito di controllare l’osservanza del provvedimento. “L’obiettivo – ha detto Stancanelli – è contenere gli eccessi e in questi anni qualche passo in avanti è stato fatto. L’avere creato zone attrezzate e delimitate dove accendere i ceri serve proprio a contemperare le esigenze di sicurezza con le tradizioni e la devozione dei fedeli”.

“E’ una responsabilità che abbiamo nei confronti di Sant’Agata e di quanti, da tutto il mondo, per i giorni della festa della nostra patrona guardano con ammirazione a Catania”, ha sottolineato il sindaco.

“Peraltro la Chiesa ha ribadito l’importanza della sobrietà e della preghiera nella festa di Sant’Agata, un’impostazione fondata sul carattere prevalentemente religioso che condividiamo pienamente e che solo grazie all’impegno di tutti pù realizzarsi. Voglio ricordare che la movimentazione dei ceri accesi da parte dei devoti comporta problemi di pubblica incolumità e pericolo di incidenti, anche gravi, per pedoni e autoveicoli per via dei residui che lasciano”.

Giornalista da vecchia data, dirige diverse testate. A TV Acicastello, per amore e passione per tutto ciò che è informazione e comunicazione, è redattore e conduttore. Contatto: salvatoreangemi@gmail.com

Lascia un Commento

*

captcha *