logo


Il Governatore: “Abbiamo fatto un’operazione di cleaning”, ha aggiunto. Il governatore ha elencato alcuni enti, accreditati dalla Regione, cancellati dopo i controlli, perché sono state riscontrate irregolarità. Tra questi ha detto Crocetta ci sono “il Cipe, Medea, Ial Sicilia, Eureka, Euriform e altri”

“Sono 235 gli enti di formazione cancellati dalla liste della Regione e 43 quelli su cui abbiamo riscontrato irregolarità multiple, a cui contestiamo, a seguito di ispezioni, anche inadempienze retributive accertate nei confronti dei lavoratori”. Il governatore della Sicilia, Rosario Crocetta, in conferenza stampa a Palermo ha tracciato un bilancio delle attività svolte dall’assessorato regionale alla Formazione professionale.

“Abbiamo fatto un’operazione di cleaning”, ha aggiunto. Il governatore ha elencato alcuni enti, accreditati dalla Regione, cancellati dopo i controlli, perché sono state riscontrate irregolarità. Tra questi ha detto Crocetta ci sono “il Cipe, Medea, Ial Sicilia, Eureka, Euriform e altri”.

“Abbiamo avviato il procedimento di revoca di accreditamento di questi enti – ha sottolineato Crocetta -. Stiamo procedendo in questo modo per tutelare i lavoratori, nessuno si aspetti sconti. I lavoratori stiano tranquilli. Nei prossimi bandi chiederemo che gli enti abbiano un conto corrente dedicato solo al personale”.

Crocetta ha sottolineato che “l’operazione di cleaning chiaramente non è finita. Andremo avanti nell’opera di verifica, alcune ispezioni le faremo personalmente io e l’assessore Scilabra. Saremo ancora più scrupolosi per quanto riguarda i corsi che prevedono obbligo di formazione”, ha proseguito il governatore. Per quanto riguarda le assunzioni del personale negli enti Crocetta ha spiegato che in futuro i docenti “dovranno essere assunti come avviene nella scuola”.

Lascia un Commento

*

captcha *