logo


A metà febbraio, infatti, sarà firmato l’accordo fra Regione e Rete Ferroviaria Italiana che sbloccherà finalmente gli investimenti per l’alta velocità in Sicilia

(Fonte: lasiciliaweb.it)

Buone nuove per gli oltre 40mila pendolari siciliani che ogni giorno vivono sulle proprie spalle i ritardi dei treni regionali. A metà febbraio, infatti, sarà firmato l’accordo fra Regione e Rete Ferroviaria Italiana che sbloccherà finalmente gli investimenti per l’alta velocità in Sicilia. Dovrebbe essere la volta buona, dato che il nuovo governo regionale ha abbandonato i progetti faraonici del passato e punta su pochi interventi veloci ed efficaci.

Ad annunciarlo ieri l’assessore regionale alle Infrastrutture, Nino Bartolotta, che ha incontrato a Palazzo d’Orleans, insieme al governatore Rosario Crocetta, l’amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti, e il ministro per la Coesione Territoriale, Fabrizio Barca. “La prossima settimana – ha spiegato l’assessore Bartolotta – ci sarà un nuovo incontro più tecnico per definire il contratto di servizio di Rfi in Sicilia. Abbiamo affrontato due temi fondamentali: l’ottimizzazione della rete e dei servizi esistenti (con particolare riferimento al raddoppio ferroviario della linea Messina-Palermo) e anche lo sblocco dei nuovi investimenti di Rfi al Sud” grazie alla speciale task-force voluta dal ministro Barca.

Sui nuovi investimenti, ovviamente, il tavolo tecnico ha puntato l’attenzione sull’incentivazione dei piani industriali di Rfi, che si baseranno sull’ottimizzazione della rete ferrata siciliana, con particolare riferimento all’alta velocità sulle direttrici Catania-Palermo e Messina- Catania. “L´obiettivo – ha precisato Crocetta – sarà non solo la costruzione del doppio binario, ma anche il collegamento tra gli aeroporti di Catania e Palermo. In questa prima fase, in 5 anni vorremo riuscire a coprire questa distanza in due ore e mezza, e in 10 anni in un’ora e mezza”.

Sulla velocizzazione della Catania-Palermo l’ipotesi è l’avvio di una prima tratta da Catania a Enna. “La prossima settimana – ha proseguito Bartolotta – con Rfi definiremo ulteriori aspetti riguardanti il contratto di servizio. Ce ne saranno in verità molti altri, ma la “tappa definitiva”, l’appuntamento finale che ci siamo dati, è per metà febbraio. Tra meno di un mese, quindi, scioglieremo il nodo del contratto di servizio. Quest’ultimo sarà fondamentale per definire cifre e risorse. Il presidente Crocetta ha puntato molto sul tema della “concretezza”. Basta ai proclami e agli interventi-spot. La Sicilia e i siciliani hanno bisogno adesso di progetti concreti, fattibili, non faraonici”.

Il riferimento, chiaramente, è al primo progetto della Catania-Palermo, da 5 miliardi di euro, per la costruzione di un tunnel lungo 45 chilometri scavato sotto le montagne, con tempi ventennali e col limite di escludere alcune città del centro dell’Isola. Questa ipotesi, che prevedeva l’alta velocità ferroviaria a 300 Km all’ora, sembra ormai tramontata. Più concreta, invece l’alta velocità “light”, a 200 all’ora. Questa soluzione, sponsorizzata dalla Regione, prevede la spesa di “appena” un miliardo di euro, tempi più ragionevoli, nessun tunnel futuristico e l’inclusione di Enna e Caltanissetta nel tragitto.

L’obiettivo finale sarà poi collegare in tempi rapidi il “triangolo” Palermo- Messina-Catania: si potrà ridurre a un’ora e 20 minuti la tratta Palermo-Catania, 45 minuti per la Catania-Messina, e 2 ore per la Palermo-Messina. I pendolari siciliani sperano che questa volta dal vertice Regione-Ministero-Rfi non siano venute solo promesse. Quanto agli investimenti complessivi di Rfi nell’Isola, all’incontro di ieri si è anche discusso di nodi importanti specifici: dal “Nodo di Palermo” all’anello ferroviario del capoluogo, i cui lavori dovrebbero partire a breve. “La Regione – ha concluso il presidente di Rfi, Dario Lo Bosco – deve trasmettere la scheda “Grandi Progetti” all’Ue. Dopo l’ok dell’Europa, potranno partire i cantieri dell’anello”.

Giornalista da vecchia data, dirige diverse testate. A TV Acicastello, per amore e passione per tutto ciò che è informazione e comunicazione, è redattore e conduttore. Contatto: salvatoreangemi@gmail.com

Lascia un Commento

*

captcha *